You are currently viewing Come adottare un cane in canile

Come adottare un cane in canile

Adottare un cane è una scelta che porta con sé tante gioie, ma anche molte responsabilità. I cani (soprattutto se provenienti da un canile e che quindi con ogni probabilità hanno già affrontato un abbandono o degli abusi) non sono giocattoli, né delle semplici creature da cui ricavare compagnia e divertimento. Sono degli esseri viventi estremamente sensibili e intelligenti, meritevoli di grande considerazione e rispetto.

Quindi, l’adozione di un cane non è certo una scelta da prendere a cuore leggero e senza considerare tutte le conseguenze. Se invece siete assolutamente certi di voler aggiungere alla vostra famiglia un affettuoso e fedele amico a quattro zampe, continuate a leggere per scoprire come si fa ad adottare un cane dal canile!

Come funziona la procedura di adozione

Per adottare un cane da un canile ci vuole un po’ di pazienza: non è un procedimento immediato, come si può vedere invece nei film. C’è bisogno di preparazione e di condurre tutti gli accertamenti del caso.

Prima di tutto, dovrete scegliere un canile adatto. Potrete trovarlo facilmente su Internet, sui social o tramite passaparola. Assicuratevi che il canile in questione sia un canile a tutti gli effetti, quindi certificato e riconosciuto. Se potete, ascoltate i pareri e le opinioni di chi ha già adottato un cane o un gatto da quello stesso canile.

Fatto ciò, sarebbe buona cosa provvedere fin da subito alla ricerca di un veterinario di fiducia. Quando si parla di animali domestici, quella del veterinario è una figura davvero indispensabile. Inoltre, molti canili richiedono che la famiglia adottante abbia già a disposizione il contatto di un veterinario prima di validare l’adozione.

Vi aspetta poi il momento più emozionante di tutti: la scelta del cane che vorrete portare a casa con voi! Spesso i siti web dei canili sono pieni di fotografie dei cani in attesa di essere adottati, con tanto di descrizione: in questo modo potrete già farvi un’idea prima di recarvi al canile. Se invece siete in dubbio, tenete in considerazione l’idea di compilare una domanda di adozione da consegnare ai volontari del canile: grazie ad essa potranno aiutarvi a scegliere l’amico peloso adatto a voi o a contattarvi non appena arriveranno nuovi cani.

Una volta che vi sarete innamorati del cane giusto per voi e per la vostra famiglia, potrete procedere con il modulo di adozione. Attenzione: è un modulo molto importante, in cui vi verranno chieste tante informazioni. Compilatelo con calma, siate scrupolosi e precisi: risulterete più affidabili e adatti all’adozione.

Aspettatevi, dopo la consegna del modulo, delle visite (ovviamente concordate) a casa da parte dei volontari del canile, per verificare l’idoneità della vostra abitazione. Alcuni canili prevedono un periodo di pre-affido, per permettere ai futuri proprietari di entrare in confidenza con il cane. Altri canili invece procedono subito con l’adozione completa. Ricordatevi che per concludere il passaggio ci sarà bisogno di pagare una tassa d’adozione.

Cosa succede dopo l’adozione di un cane

Dopo l’adozione, sarà necessario provvedere all’identificazione e alla registrazione del cane, seguendo in modo accurato le richieste della relativa Regione. Questo passaggio delicato verrà svolto dal veterinario, che si occuperà di inserire un microchip nel cane e di registrare l’animale all’anagrafe canina.

Fatto ciò, assicuratevi di fornire al vostro nuovo amico tutte le visite e le vaccinazioni del caso. Se necessario o richiesto dalla Regione, ricordatevi di fissare già un appuntamento con il veterinario per la sterilizzazione.

Link:

https://www.corriere.it/animali/curare-animali-domestici-cani-gatti-co/notizie/cani-gatti-sterilizzazione-vantaggi-svantaggi-modifica-alimentazione-49576140-8b61-11e8-9286-fc73853597eb.shtml#:~:text=I%20pro%20della%20sterilizzazione%20sono,che%20causa%20un%20accumulo%20di per “sterilizzazione”

http://www.salute.gov.it/anagcaninapublic_new/home.jsp per “anagrafe canina”

Lascia un commento